Catia Pedrini nuovo socio onorario di Panathlon Modena Nov2018

CONDIVIDI SUI SOCIAL

Catia Pedrini nuovo socio onorario di Panathlon Modena

Modena ha dimostrato ancora una volta, se mai ce ne fosse bisogno, del perché è universalmente riconosciuta come la capitale mondiale della pallavolo. L’occasione è stata As One, la serata che a Villa Cesi il Panathlon Club Modena ha dedicato al Modena Volley, presente al gran completo con dirigenti, staff tecnico e giocatori, ringraziati in apertura da Maria Carafoli, presidente del Panathlon Club Modena. A prendere la parola sono poi stati i giornalisti Federica Galli e Paolo Reggianini che, tra domande sulla stagione in corso e divertenti “test di modenesità” riservati ai giocatori, hanno ripercorso la storia recente e i nuovi obiettivi della società di vertice del volley modenese, grazie agli interventi della presidente Catia Pedrini, del direttore generale Andrea Sartoretti, di Julio Velasco e Luca Cantagalli, rispettivamente allenatore e secondo allenatore. Un evento impreziosito da una platea che, oltre ai soci Panathlon, ha visto la presenza di numerosi ospiti protagonisti a vario titolo della pallavolo modenese, dall’ex presidente Pietro Peia al giornalista Leo Turrini, da Antonio e Anna Maria Panini a Lara Gilmore Bottura e a Wainer Vaccari, da Eugenio Gollini, presidente provinciale Fipav, a Federica Minozzi, CEO di Iris Ceramica Group, sponsor del Modena Volley. La presenza di Stefano Bonaccini, presidente della Regione Emilia-Romagna e di Giulio Guerzoni, assessore allo Sport del Comune di Modena, ha costituito poi l’occasione per una riflessione sul possibile ampliamento del PalaPanini. Un evento dunque ricco di contenuti e dalle finalità benefiche (il sostegno al Gruppo Sportivo Sen Martin dell’applauditissimo Lorenzo Vandelli e agli altri progetti di solidarietà targati Panathlon Club Modena), che ha visto il suo momento culminante con la consegna, da parte di Maria Carafoli, del riconoscimento di socio onorario del Panathlon Club Modena a Catia Pedrini, per l’impegno profuso e i risultati ottenuti nel corso della sua presidenza, durante la quale, oltre a qualità organizzative, coraggio e passione, ha sempre dimostrato una grande vicinanza al Panathlon Club Modena nella sua opera di diffusione dei valori più autentici dello sport.