Il Club Modena alla Fiera di San Giovanni Giu2012

CONDIVIDI SUI SOCIAL

Il Club Modena alla Fiera di San Giovanni

Nella splendida cornice della Rocca Rangoni di Spilamberto, all'interno del ricco programma della Fiera di San Giovanni, il Panathlon Modena e la sua presidente Maria Carafoli hanno salutato soci e ospiti prima delle ferie, in una serata alla scoperta di due eccellenze del nostro territorio, aceto balsamico tradizionale e nocino. Invitati da Vania Franceschelli, socio Panathlon e presidente dell'Ordine del Nocino Modenese, da Cristina Quartieri, direttore del Museo del Balsamico Tradizionale di Spilamberto, e da Armando Cavalieri, Assessore agli Interventi Economici del Comune di Spilamberto, i numerosi presenti hanno effettuato una visita guidata tra le sale del museo-gioiello dedicato all'aceto balsamico, alla scoperta di una tradizione secolare, tramandata di generazione in generazione, in un viaggio fatto di strumenti, parole e riti che rimandano alla più autentica civiltà contadina di questo pezzo di Emilia. È stata poi la stessa Vania Franceschelli a illustrare, in modo leggero e ironico, ma preciso e completo, i segreti delle "Erbe di San Giovanni", tradizioni che ricordano ancestrali culti pagani, e tutte le fasi della produzione del nocino, antico liquore protagonista del nostro mondo rurale. Come consuetudine del Panathlon, la serata ha coniugato cultura e sport, ed è stata quindi la presidente Maria Carafoli a consegnare alcuni riconoscimenti a personaggi del mondo sportivo, come Achille Aquilini, per l'instancabile opera di promozione dell'attività sportiva, anche giovanile, e delle bocce in particolare. Quindi è stato ricordato, alla presenza della moglie e della figlia, Giovanni Roncaglia, socio Panathlon recentemente scomparso, con la presentazione di un bassorilievo in terracotta dedicato al mondo del ciclismo, opera dello stesso Roncaglia, figura unica di sportivo e artista. Ai presenti ha poi rivolto un saluto Giuseppe Ballotta, in rappresentanza della Banca Popolare dell'Emilia Romagna, da sempre vicina allo sport modenese. Chiusura della serata con Maria Carafoli che, ringraziando i presenti, ha dato appuntamento a dopo l'estate con i tanti eventi in calendario nella seconda parte dell'anno. Non poteva mancare poi l'aspetto benefico, altro marchio di fabbrica del Panathlon Modena, con la vendita di biglietti di una sottoscrizione a premi il cui ricavato andrà al Comune di Finale Emilia, e la presentazione di altre iniziative, sempre in favore delle popolazioni colpite dal terremoto.