Paradriving e solidarietà con Panathlon Modena Nov2019

CONDIVIDI SUI SOCIAL

Paradriving e solidarietà con Panathlon Modena

Sono arrivati a Verona dopo un viaggio di oltre cento chilometri, i partecipanti a Paradriving Fieracavalli 2019, progetto di solidarietà sostenuto dal Panathlon Club Modena. L’iniziativa, a cura di Asd Equilandia Club e Azienda Agricola Villa Forni, due realtà che collaborano in progetti di equitazione integrata sul territorio modenese, ha portato in quattro tappe sette equipaggi di persone con disabilità (per un totale di circa 25/30 partecipanti per ogni tappa) dalle Scuderie Ducali dell’Accademia Militare di Modena fino a Fieracavalli a Verona. L’arrivo delle carrozze è stato accompagnato da una rappresentativa dell‘Accademia Militare di Modena. Un percorso sia sportivo che di integrazione sociale, rivolto a persone con disabilità che grazie a carrozza e cavallo possono ricevere benefici fisici e relazionali e un impatto molto positivo sull’autostima e la disponibilità al lavoro di gruppo. Il progetto Paradriving è stato sostenuto, oltre che del Panathlon Club Modena, da ASAM Onlus, dall’Accademia Militare di Modena, dalle Amministrazioni dei paesi attraversati, dalla FISE (Federazione Italiane Sport Equestri), dall’ANAC (Associazione Nazionale Arma di Cavalleria), dalla fondazione Società Cattolica di Assicurazioni e da Fondazione VIVO. "Un grande gioco di squadra – commenta Maria Carafoli, presidente del Panathlon Club Modena – che permette alle persone coinvolte un’esperienza unica, che unisce sport e inclusione sociale con temi legati al nostro territorio, alle sue tradizioni e a istituzioni prestigiose come l’Accademia Militare di Modena, che ringrazio per la disponibilità e la generosità dimostrata anche in questa occasione".