Sergio Scaglietti ed i suoi uomini Ott2017

CONDIVIDI SUI SOCIAL

Sergio Scaglietti ed i suoi uomini

Il Panathlon Club Modena ha organizzato un evento, che si è tenuto al Club Modena 92, per rendere omaggio a quegli uomini che con il loro lavoro e il loro genio hanno contribuito a costruire il mito, ormai universale, di Modena terra di motori. “Sergio Scaglietti ed i suoi uomini – Gli artigiani del restauro tra passione e talento” si è aperto con il saluto di Maria Carafoli, presidente del Panathlon Club Modena, che ha ricordato la doppia finalità benefica dell’appuntamento, confermando, grazie alla generosità di soci Panathlon, ospiti e invitati presenti, l'acquisto di un cavallo da donare a Equilandia, società di Nonantola che offre attività di ippoterapia a persone diversamente abili e non, oltre al sostegno, anche per questa stagione sportiva, a Canestroverso, progetto di pallacanestro rivolto a giovani con disabilità mentale, ideato e condotto da SBM Scuola Basket Modenese. La serata è poi entrata nel vivo e tra un aneddoto e l'altro, le tappe del mito di Sergio Scaglietti, nella cui carrozzeria presero forma alcune delle più belle automobili di sempre, sono state ripercorse dal figlio Oscar e dall'ingegner Mauro Forghieri, in una chiacchierata condotta da Mauro Battaglia, reduce dal grande successo del suo evento Modena Motor Gallery. Tra il pubblico, oltre al sindaco di Modena, Gian Carlo Muzzarelli, il consigliere regionale Enrico Campedelli, Alfonso Panzani, presidente di Modena Fiere, i rappresentanti del Club Motori di Modena, e alcuni dei nomi più cari agli appassionati di motori: dallo storico dell'auto Adolfo Orsi al restauratore d'auto Franco Bacchelli, passando per Afro Gibellini, prezioso collaboratore di Scaglietti, tutti testimoni e protagonisti di una stagione dove la sinergia tra progettisti, meccanici e carrozzieri costruì un bagaglio di conoscenze ed esperienze, da trasmettere alle successive generazioni, dal valore semplicemente inestimabile. La serata ha visto la partecipazione del baritono e fisarmonicista Claudio Mattioli, che ha eseguito alcuni applauditissimi brani della migliore tradizione del belcanto italiano.